19 novembre 2018
  • Home
  • NEWS
  • Conferito ai registi Anna Cavasinni e Fabrizio Franceschelli il premio “Guerriero di Capestrano” 2010 per il cinema e la televisione

Conferito ai registi Anna Cavasinni e Fabrizio Franceschelli il premio “Guerriero di Capestrano” 2010 per il cinema e la televisione

Il premio è organizzato a Capestrano da Iva Polcina e Massimo Pamio.

Tra i premiati di maggior rilievo l’on. Gianni Letta, giornalista e politico abruzzese. Insieme al folto pubblico presente alla cerimonia tenutasi presso il salone del castello di Capestrano, il sindaco di Roccaraso Armando Cipriani, principale sponsor del docufilm Il sangue dei Limmari, sulla strage di Pietransieri.

Il Premio per il Cinema documentario “Gerdiglio Angeloni” è stato conferito ad Anna Cavasinni e Fabrizio Franceschelli, con la seguente motivazione: “Il Premio per il Cinema documentario viene assegnato all’opera “La guerra in casa: Il sangue dei Limmari” di Anna Cavasinni e Fabrizio Franceschelli per la densità e la scientificità della ricerca, compiuta attraverso la collazione di documenti e la proposizione di interviste rivolte a persone direttamente o indirettamente coinvolte in avvenimenti terribili, come l’eccidio compiuto dai nazisti a Pietransieri. Nel documentario, sguardo lucido e obiettivo gettato sulle implicazioni locali di un conflitto mondiale, sono registrate le voci di coloro che con pacatezza chiedono giustizia per tutte le vittime di una guerra in cui furono coinvolti cittadini inermi, che si ritrovarono senza volerlo la guerra in casa. Pertanto Anna Cavasinni e Fabrizio Franceschelli, in questo notevole importante documento storico, celano un messaggio rivolto a tutti gli uomini di buona volontà: la guerra più grande che l’uomo deve intraprendere e vincere consiste nel bandire ogni conflitto dalla terra, sopraffacendo l’idea che la guerra sia un modo per risolvere i problemi dell’uomo”.

La cerimonia si è conclusa con la proiezione del docufilm “Il Sangue dei Limmari”, realizzato nel 2009 dai registi Cavasinni e Franceschelli.